L’accessione. Art. 936cc

L’accessione. Art. 936cc

Il principe Filippo, dopo essersi liberato da Malefica, corre verso il castello della sua amata Aurora ma, ad un tratto, spunta una foresta di rovi sulla strada che lo blocca. Di chi sono questi rovi sul suolo altrui?

Di Malefica. Questa è l’accessione, il modo d’acquisto della proprietà a titolo originario che si verifica, a favore del proprietario, ove sopra o sotto il suolo sorgano edifici o costruzioni o opere.

Gli artt. 935 c.c., 936 c.c., 937 c.c. stabiliscono le modalità dei risarcimenti e dei rimborsi dovuti all’autore dell’opera, della costruzione o della piantagione, ovvero al proprietario dei materiali, rispettivamente:

a) nel caso in cui le opere siano fatte dal proprietario del suolo con materiali altrui, il proprietario, se la separazione non è possibile, deve rimborsare il valore dei materiali e risarcire il danno nel caso in cui sia in colpa grave;

b) nel caso in cui le opere siano fatte dal terzo con materiali propri, se il proprietario decide di tenere le opere o non ne è consentita la rimozione, può scegliere se pagare il valore dei materiali o l’aumento del valore del suolo;

c)nel caso in cui le opere siano state fatte da un terzo con materiali altrui, il proprietario dei materiali, ove possibile, può rivendicare i materiali a spese del terzo, ove non possa o non eserciti il diritto alla rivendicazione dei materiali a spese del terzo il proprietario dei materiali può chiedere un’indennità pari al valore dei materiali e il risarcimento del danno sia al terzo sia, in solido, al proprietario del fondo che sia stato in mala fede.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>