';

Giustiniano e "il troppo e 'l vano": l'unità è sempre un bene?